Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

http://profile.ak.fbcdn.net/hprofile-ak-snc4/372445_100003256035850_531350736_n.jpg

 

 

 

 

 

 

 

La conquista del mondo, il possesso di beni e il dominio assoluto della terra da parte dell’uomo hanno provocato ciò che nessuno avrebbe mai immaginato: l’impoverimento sprituale.

La desertificazione dell’anima ha creato un vuoto nel cuore dell’uomo che non può essere colmato dalla visione estatica di gioiosa demenza televisiva. La bellezza costruita dai chirurghi estetici dell’informazione crolla davanti al primo tsunami giapponese o al primo attacco suicida di un pasdaran della rivoluzione islamica.

La Morte, attrice indesiderata della sceneggiata mass-mediatica, irrompe sulla scena della vita e non lascia scampo a nessuno. Gli uomini hanno abbandonato la relazione con chi dà il giusto valore alla Morte e con chi non viene da essa sconfitto.

Il rapporto con Dio, fonte di ricchezza e serenità che ha permesso agli Europei di superare la Morte e di costruire per l’eternità, non può essere relegato nella sfera intimistica.

Il materialismo moderno che ha invaso la nostra cultura non è affatto una concezione atea dell’esistenza, ma, al contrario, idolatrica. E’ una religione universale che celebra i suoi culti su altari invisibili e sconsacrati. La spiritualità antica e tradizionale è derisa dal culto della persona nei suoi aspetti più grotteschi e volgari. L’uomo moderno si ribella a Dio finendo per danneggiare se stesso alla continua ricerca di una libertà sconcia che lo rende schiavo.

Il rispetto per il proprio corpo e la propria anima sono le basi per ritrovare la via che conduce al futuro. Un cammino difficile, pieno di insidie, da percorrere con l’ausilio dei soli legami in grado di fornire un sostegno concreto: Dio, la famiglia, la comunità.

 

                                            MOVIMENTO SOCIALE EUROPEO

 

 

Partager cet article