Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

thumbnail-copie-2 

 Stu sabatu 24 di maghju si tenerà in Aiacciu una manifestazione fistiva è rivindicativa in giru à a cuufficialità di a lingua corsa, urganizzata da u culletivu "Parlemu Corsu". Serà per i Corsi un'occasione di rigirassi annant'à più d'un seculu di risistenza di pettu à a francisata è d'arricurdassi di i primi "cumbattenti di a lingua corsa". 

 

Pueta è militante, fundatore in 1889 di " A Tamuntana" , un primu giurnale in lingua corsa, Santu Casanova fù unu di i primi a  opponesi a a francisata imposta da u statu culuniale in Corsica . Di u  "dialettu corsu  ", ha fattu una lingua scritta , vettore di cuscenza naziunale .

  Di fronte à l'ideulugìa massonica di a ripublica francese, ha difesu i valori tradiziunali, l'antica cultura di u nostru populu .

Cume tanti altri, sunniava à una Corsica di " spiritu rumanu", aristocraticu, guerrieru è paisanu ...

Santu Casanova hè mortu in Italia in 1936 . Un ci scurdemu di st'eroe di a nazione corsa ....

 

                                                      A LINGUA CORSA 

 

Un filosofu di l'antichità ha dettu chi a piu gran disgrazia per un populu è quella di perde a so lingua , perdita ancu più irriparabile ca quella di a libertà . A libertà si ripiglia qualchi volta dopu lutte sanguinose e mette sempre un raggiu di spiranza in la bandiera di i patriotti valurosi. Tistimoni degni di l'ammirazione universale so a Polonia e l'Irlanda chi dopu tanti secoli d'oppressione hanu rottu e catene vargugnose e pisante di a schiavitù .

Mentre chi a lingua , persa una volta è persa per sempre . Un populu incapace di parlà l'idioma di u so paese , ch'un sente più e dulcezze musicale di quella voce ch'ha annannatu a so infanzia e cunsulatu e so svinture , dimentichendu l'insignamenti più nobili e più sacri di a famiglia , prununcia ellu stessu a so sintenza di morte .imagesCAHHAHZ1.jpg

 

Tistimoni d'avant'à a storia d'una simila sciagura , so i populi Etruschi , dispersi da i nemici , un n'avendu cunsivatu nisun ligame di a lingua per riunissi , so intruti in le tenebre di a morte , e oghie stessu , in più dotti tra a scienzia so incapaci di leghie e scrizzione funebre chi figuranu nantu i so monumenti . Una simile calamità s'affacava a l'orizzonte torbidu e minacciosu d'i nostri destini . A Corsica ,sempre delusa in le so spiranza , avia cunsirvatu in senu ai so fuculari una lingua ricca , espressiva e forte par cantà e so aligrezze e piegne i so doli .imagesCAAZBF0I.jpg

Dipoi qualchi tempu uni pochi di mudernisti currumpenu a lingua materna cu certe espressione ch'un so più ne corse ne francese .

Ogni jornu , stu charabià , barbaru di nome e di fatti , face prigressi in le nove ginerazione , e so no un pigliemu misire eficaci e pronte vinarà u momentu chi a nostra lingua, parlata da tant'eroi e scritta da tanti pueti , si ne falera per Golu cume e carchere di l'antichi patriotti .

Tutti i corsi sanu chi a nostra penna un s'è mai stancata di ramintà ai figlioli u passatu gloriosu di i babi .

In versi cume in prosa , particularmente par mezzu di a Tramuntana , avemu prudottu , in Corsica e fora di Corsica , un muvimentu patroticu e un ritornu salutiferu a l'antica lingua . Quante volte in lu corsu di a nostra longa carriera di scrittore avemu dipintu e bileze di u nostru paese , i fiori di e nostre valle , e surgente di i nostri monti , e dulcezze di u nostru clima , a pureza di u nostru celu , i custumi di i nostri campagnoli , a tenera puesia di i vocari , l'impricazione sulenne di a vindetta , a melodia pietosa di e campane , l'osptalità tradiziunale di i nostri fuconi e i sacrifizzi di l'eroi corsi offerti ginarosamente sopr'a l'altare di a Patria .

Tutte st'idee e tant'altre si ponu esprime maravigliosamente par mezu di a nostra lingua cusi ricca e cusi dolce .

Insegnataci da l'affetu di e nostre mamme , ch'un cuniscianu ne gramatiche , ne dizziunari , sta lingua deve ritruvà un postu d'onore in le scole , in le cunversazione , in li jurnali e inli libri .

Par questu dumandemu l'unità di tutti l'omi di core chi volenu cunsirvà stu patrimoniu cume in ricordu proziosu di l'antichi .

Cume i Baschi , di i Pirenei , cume i Pruvenziali di Mistral , e cume i Brettoni , tutti ghjelosi di a so lingua e di a so litteratura , ancu noi , o Corsi , mittemuci a l'opera .

 

E viva a lingua corsa .

 

 

  Santu Casanova  : Primavera corsa 1927

 

 

 

Partager cet article